Metalli pesanti che intossicano il corpo: come liberarsene

In questa sezione vi parleremo di quanto siano potenzialmente pericolosi i metalli pesanti e di quanto sia importante un’integrazione di spirulina per combattere l’eccessivo accumulo di queste sostanze nell’organismo umano.

La spirulina è un’alga dalle spiccate proprietà benefiche. La potenza che possiede questo micro vegetale deriva dai suoi pigmenti: clorofilla e ficocianine, che contribuiscono a depurare il corpo e a disintossicarlo da radicali liberi e metalli pesanti.

Cosa sono i metalli pesanti e come agiscono all’interno dell’organismo umano

Al giorno d’oggi siamo tutti più o meno intossicati da un eccessivo accumulo di metalli pesanti. Questi sono componenti naturali presenti sulla terra in diversi ambienti. L’acqua, il suolo, l’aria e persino le persone accolgono questi metalli. Tuttavia, in una determinata quantità questi possono essere molto dannosi per l’organismo umano e provocare una degenerazione dei tessuti fino allo sfociarsi di malattie.

A livello scientifico sono considerati metalli pesanti quelli che presentano una determinata densità e che hanno una spiccata affinità nel creare complessi cellulari: infatti nel corpo umano tendono a legarsi alle strutture cellulari ostacolando il normale svolgimento del metabolismo cellulare. I metalli pesanti sono fondamentali per alcuni processi metabolici: la loro esistenza non è totalmente da recriminare. Tuttavia una massiccia quantità di questi complessi atomici creano un disequilibrio.

La contaminazione da metalli pesanti è molto frequente. Non è complicato infatti venire a contatto con queste strutture molecolari poiché come accennato precedentemente essi sono parte del suolo, dell’aria e dell’acqua. Nel ciclo naturale della vita, dove animali, uomo e terra sono strettamente interconnessi, questi metalli potrebbero essere smaltiti per la maggior parte da alcuni fenomeni come incendi boschivi, eruzioni vulcaniche e gioco delle maree.

Tuttavia la mano dell’uomo attraverso l’inquinamento altera questo naturale processo di metabolismo creando problemi da non sottovalutare. Rallentando il trasporto dei metalli pesanti verso la loro naturale decomposizione, l’essere umano ha contribuito ad un accumulo di ordine superiore ai limiti consentiti. I metalli pesanti sono tanti ma occorre fare una distinzione tra quelli da considerarsi indispensabili per gli organismi viventi e quelli potenzialmente tossici. Composti quali ferro, rame, zinco, manganese risultano fondamentali nei processi metabolici cellulari. Tra i metalli pesanti pericolosi, il cui accumulo sulla terra e nell’organismo umano è ormai conclamato ci sono: il mercurio, il piombo, il cadmio e il cromo.

E’ molto importante conoscere i sistemi che portano ad una massiccia integrazione di questi metalli nel corpo umano proprio perché quando si accumulano più velocemente di quanto non vengano scissi ed eliminati, si crea un accumulo all’interno di alcuni organi del corpo danneggiandoli severamente.

Il mercurio ad esempio provoca, in eccessive quantità, una distruzione progressiva del sistema nervoso, oltre a numerosi danni al sistema cardio-circolatorio con forte rischio di coagulazione del sangue e disordini all’apparato muscolo-scheletrico. Allo stesso modo un accumulo di cadmio nel sangue provoca danni allo stomaco, diarrea, fragilità ossea e problemi psicologici.

I benefici della spirulina per contrastare i metalli pesanti

Il nostro corpo non è in grado autonomamente di detossificarsi e rimuovere questi potenti agenti velenosi. Questo accade perché l’accumulo ormai è davvero eccessivo nell’ambiente intero comprensivo di tutto: acqua, suolo e aria sono saturi di metalli che ogni giorno pervengono a noi involontariamente. S

enza l’ausilio di una sostanza come la spirulina, non è possibile trasportare al di fuori dell’organismo queste sostanze. Sebbene con la salivazione, l’allattamento e la sudorazione in parte riusciamo ad eliminare le tossine dal nostro corpo, una buona parte di questi restano intrappolati nelle cellule dove creano tantissimi danni tissutali.

La spirulina è una micro-alga considerata una sostanza “Chelante” il cui significato sta nella capacità di legare a sé le tossine e i metalli pesanti per trasportarli al di fuori del corpo umano.

Il popolo azteco ne conobbe per primo i benefici estraendola dalla valle di Anahuac. Questo vegetale è considerato tra i migliori esistenti non solo per la sua proprietà di depurare il corpo, disintossicandolo completamente; l’alga spirulina è un potente antimicrobico e anti batterico naturale, favorisce la salute mentale e fisica a 360°.

Oltre a fornire all’intero organismo tutti gli elementi necessari alla sopravvivenza, contiene pigmenti in grado di contrastare l’accumulo di tossine. Sono proprio i pigmenti contenuti naturalmente in questa micro-alga a rendere la spirulina un vegetale importantissimo: la clorofilla e la ficocianina hanno un elevato potere nel diminuire notevolmente l’accumulo di tossine nel sangue e abbassare i livelli di colesterolo proteggendoci da malattie e ictus.

I pigmenti dell’alga spirulina apportano un’azione antiossidante alla stregua di nessun altro vegetale presente in natura. Considerando che le tossine e i metalli pesanti si accumulano maggiormente a livello epatico e renale, possiamo considerare la spirulina un vero toccasana per la sua capacità di pulire la linfa, il sangue e la bile da tutti gli elementi che ne ostacolano il corretto funzionamento.

Solitamente le avvisaglie che dovrebbero farci pensare ad una forte intossicazione derivante dai metalli pesanti sono:

  • Testa pesante
  • Diarrea e problemi di digestione
  • Pelle spenta e eruzioni cutanee improvvise

E’ importante intervenire subito, non aspettare molto proprio perché un eccessivo accumulo di questi metalli nel corpo conducono all’inevitabile sviluppo di malattie e disagi cronici.

Noteremo un immediato effetto benefico grazie a questa micro alga che ci restituirà forza e vigore, ripristinando il normale funzionamento del sistema immunitario e donandoci turgore fisico ed emotivo a lungo termine.

Lascia un commento